Ecco le app vincitrici dell’Apple Design Award 2018

Ecco le app vincitrici dell’Apple Design Award 2018:

Florence (Australia) – un libro di racconti interattivo che fonde elementi del gaming e dei fumetti per esplorare le gioie e i dolori dell’innamoramento.

Agenda (Olanda) – Agenda che adotta un nuovo approccio al prendere appunti su Mac, grazie alla combinazione di scrittura, calendario e task manager in una timeline che offre un’immagine chiara del passato, del presente e del futuro.

iTranslate Converse (Austria) — trasforma iPhone e Apple Watch in un dispositivo di traduzione bidirezionale.

Calzy 3 (India) – calcolatrice altamente personalizzabile che utilizza molte tecnologie iOS per offrire diverse funzioni: Multitasking, Face ID e Touch ID per visualizzare in privato cronologia e preferiti salvati; Drag & Drop per condividere risultati in altre app; integrazione di iMessage, ricerca Spotlight per risultati salvati fra i preferiti; iCloud Sync e Handoff, per eseguire calcoli matematici giornalieri in modo elegante.

Alto’s Odyssey (Canada) — viaggio infinito nel sandboarding con gameplay intuitivo e utilizzo del 3D Touch e del feedback aptico

Oddmar (Turchia) — livelli disegnati a mano e colonna sonora cinematografica, gioco a scorrimento laterale a tema Vichinghi

Frost (Austria) — puzzle game a forma libera

Bandimal (Finlandia) — software per comporre musica a misura di bambino. Il focus è sulla creatività: niente note, niente accordi, niente regole, niente spartiti.

Playdead’s INSIDE (Danimarca) — rompicapo che è stato ottimizzato per iPhone, iPad e Apple TV.

Triton Sponge (USA) — innovativa app per iPad utilizzata nelle sale operatorie per calcolare rapidamente e tenere traccia delle perdite di sangue raccolte dalle spugne chirurgiche e dai contenitori di aspirazione.

Italia, il Paese che verrà

Le elezioni Politiche del marzo 2018 hanno rappresentato un ulteriore scossone alla politica italiana. Definitivo tanto che gli esperti parlano di Terza Repubblica con la nascita del Governo Conte.

Forse è prematuro parlare di nuova Repubblica se le condizioni Costituzionali non mutano, sebbene la legge elettorale sia cambiata e anche la maggioranza di governo.

Ma è possibile prospettare cosa potrebbe accadere nei prossimi anni in Italia, un laboratorio che diventa anche iniziatore di nuovi modelli per altri Paesi che potrebbero accodarsi. In fatto di innovazione politica, da questo punto di vista, con la nascita del Movimento 5 Stelle, il Belpaese guida la classifica nel mondo.

Il M5S con Rousseau vuole ricreare l’arena politica, un po’ come Facebook vuole ricreare internet al suo interno, offrendo tutto quello che serve in un ambiente protetto, privato. Con la differenza che Facebook è a scopo di lucro, Rousseau no. Piaccia o no, già oggi su Rousseau è possibile proporre leggi ed emendamenti che saranno poi discussi dai rappresentanti – portavoce – nelle varie sedi istituzionali, dal Parlamento Europeo al Consiglio Comunale, passando naturalmente per Camera e Senato.

Il M5S sceglie online i propri candidati, le linee del proprio programma, vota online le decisioni più importanti (es. fare un governo con la Lega) e offre la possibilità di scrivere o modificare le leggi che andranno in discussione. Oltre all’organizzazione dell’attivismo politico sul territorio (ex Meetup, ormai quasi del tutto dismessi) e alla formazione di cittadini e amministratori, attuali e futuri – a costo zero per tutti.

Se il M5S avesse la maggioranza assoluta, oggi Rousseau sarebbe di fatto il laboratorio online della politica italiana. Ancora non c’è e forse non ci sarà mai, ma è certo che dinanzi alla quasi scomparsa delle altre forze tradizionali (partiti e partitini) il tutto si è catalizzato intorno a poche forze definite populiste e con un consenso crescente: Lega e M5S.

I sondaggi post voto parlano di un’ulteriore crescita della Lega, dal 18% al 25% e un lieve calo del M5S, dal 33% al 31%. Insieme superano il 50% e possono governare indisturbati. Forza Italia è quasi scomparsa, Fratelli d’Italia ridimensionata al 3%, la sinistra di Liberi e Uguali, grande flop alla prima uscita, sotto al 3%, Potere al Popolo non pervenuto. E il PD? Galleggia intorno al 18% con le sue lotte di potere interne, in attesa che Renzi l’opportunista si stacchi fondando il suo Fronte Repubblicano, erodendo ulteriori voti al PD stesso che pare destinato a scomparire o a diventare stampella renziana. Impossibile immaginare quelle forze nuovamente al governo negli anni a venire. Difficile anche prevedere cosa sarà del Paese con le nuove innovative misure come flat tax, semplificazione fiscale, reddito e pensione di cittadinanza: renderebbero l’Italia un luogo migliore dove vivere, lontani dai diktat delle grandi imprese che vogliono i cittadini strozzati da un’economia liberale incivile e ingiusta. Chiaramente gli eurocrati proveranno in tutti i modi a minacciare il Paese, ma Conte non è Tsipras, l’Italia non è la Grecia e non si piegherà ai diktat tedeschi, gli unici veri a beneficiare dello stato attuale.

MPM PS 160, arriva in Italia la coupè francese a sole 9.900 euro

Si tratta di una vettura coupé di stile classico, con quattro porte, ma la casa è assolutamente nuova: è la MPM Motors, un giovane marchio francese con link in Russia

L’auto si chiama PS.160. Una decina di soci e circa duecento dipendenti, fabbrica in Francia, l’auto non sembra innovativa a prima vista.

Il suo slogan è “Keep it simple” e in effetti è molto basilare anche se appariscente. L’auto è in vendita in Italia a partire da soli 9.900 euro, IVA inclusa. Un’occasione per avere una sportiva a prezzi decisamente contenuti. Unico modello, unico prezzo.

Con Iliad arriva il quarto operatore di telefonia in Italia

Iliad è ufficialmente arrivata in Italia in modo aggressivo, con una tariffa unica molto conveniente che ha le seguenti caratteristiche:

  • MINUTI ILLIMITATI in ITALIA verso tutti fissi e mobili
  • SMS ILLIMITATI in ITALIA verso tutti gli operatori
  • 30GB di traffico dati al mese con rete 4G+
  • PREZZO di 5.99€ al mese per sempre e senza vincoli (prezzo solo per il primo milione di utenti)

Iliad sceglie la strada della semplificazione proponendo ai suoi clienti non un ampio catalogo di offerte confusionarie come gli altri operatori, ma una sola tariffa che, grazie alle opzioni presenti, garantisce a tutti le caratteristiche più richieste.

Nel contempo, la nuova azienda offre anche numerosi posti di lavoro.