Franco Battiato starebbe male, dorse Alzheimer. E’ una bufala?

Franco Battiato potrebbe avere il morbo di Alzheimer. La cosa ha impensierito la rete. Delle indiscrezioni che corrono sul web in queste ore non ci sono conferme. Un post del suo amico e paroliere Ferri su Facebook fanno temere il peggio. Nessuna notizia ufficiale se non quella che il fratello di Franco, da Milano, si sarebbe recato in Sicilia per assisterlo.

Il cantante di Giarre-Riposto non ha figli, gli è rimasto solo un fratello,  Michele.

Franco, a novembre 2017 ha annullato il tour in seguito ad una caduta in casa in seguito alla quale si è fratturato bacino e femore. Da allora, il cantante si è ritirato da tutti gli impegni. Un silenzio che quindi dura da quasi nove mesi. Alzhaimer secondo voci che circolano in rete?

Ci auguriamo che il Maestro Franco Battiato si rimetta in sesto presto, se lo augurano milioni di fans in apprensione in queste ore.

Secondo alcune fonti si tratterebbe di una bufala.

Arriva la stagione estiva. Avete la giusta assicurazione di viaggio per l’estero?

assicurazione di viaggio estero

Ogni estate ci si prepara per viaggi esotici ma è bene pianificare l’essenziale per non avere sorprese. Incidenti, cancellazioni di voli, smarrimento di bagagli, furti, malattie… Preventivare cosa fare nella malaugurata circostanza che si verifichi almeno una di queste infelici evenienze è imprescindibile. Qual’è la vostra prossima destinazione? Asia, Africa, Sud America, Australia? Ovunque sia, c’è sempre l’assicurazione di viaggio giusta ed economica.

Vi sono numerose coperture assicurative di viaggio generiche, a volte associate alla carta di credito, ma attenzione alle sorprese!

Numerosi viaggiatori esperti preferiscono quelle specifiche, anche solo temporanee, che garantiscono la massima assistenza su tutti i possibili sinistri che possono verificarsi durante il periodo di soggiorno all’estero.

Il costo del premio assicurativo generalmente varia a seconda della durata e del luogo di destinazione, oltre che del tipo di copertura desiderata. In genere per un viaggio di poche settimane si tratta di poche decine di euro.

Qui la possibilità di calcolare quanto costa e, eventualmente, prenotare online con pochi click la tua assicurazione di viaggio.

Assicurazione di viaggio: semplice e flessibile

Puoi acquistare e richiedere online anche dopo che sei uscito di casa. L’assicurazione di viaggio di World Nomads è disponibile per le persone provenienti da 140 paesi. È progettata per i viaggiatori avventurosi con copertura per medici all’estero, evacuazione, bagagli e una serie di sport e attività avventurose.

7 cose che dovresti sapere sull’assicurazione di viaggio

Sottoscrittori affidabili e affidabili
WorldNomads.com è supportato da una serie di compagnie di assicurazione viaggi forti, sicure e specializzate che forniscono copertura, assistenza di emergenza 24 ore su 24 e massimi livelli di supporto e gestione dei sinistri quando ne hai più bisogno.

Rapporto qualità-prezzo con la copertura che ti serve
WorldNomads.com fornisce una copertura per ciò che è importante per i viaggiatori provenienti da 140 paesi. Concentrandoti su ciò di cui hai bisogno e tralasciando ciò che non fai, i prezzi di World Nomads sono tra i più competitivi online.

Flessibilità quando ne hai più bisogno
Aveva un cambio di programma? Puoi acquistare più cover o reclami online mentre sei ancora fuori. Puoi persino acquistare una politica sui Nomadi del Mondo se stai già viaggiando.

Copertura per una vasta gamma di attività avventurose
Dallo sci e snowboard in Nuova Zelanda al rafting in Colorado, WorldNomads.com copre una serie di attività avventurose, dandoti la tranquillità di ottenere il massimo dai tuoi viaggi.

Viaggiare in sicurezza
Tutti i membri di WorldNomads.com hanno accesso a avvisi di sicurezza di viaggio aggiornati, nonché consigli e consigli sulla sicurezza dei viaggi online attraverso l’hub World Nomads Travel Safety.

Più che un’assicurazione di viaggio di grande valore
Tutti i membri di WorldNomads.com possono imparare il gergo locale attraverso una serie di guide per l’iPod e iPhone e possono rimanere in contatto con familiari e amici con un diario di viaggio online.

Servizio clienti eccezionale
Vogliamo essere sicuri di ottenere il massimo da WorldNomads.com. Puoi scoprire di più sul perché l’assicurazione di viaggio è importante per il tuo viaggio. In caso di domande sulla propria assicurazione di viaggio o sulla sicurezza di viaggio in generale, contattare direttamente WorldNomads.com.

Consigli utili: non fate l’assicurazione troppo tardi o potrebbe non essere effettiva. Registratevi con almeno due settimane di anticipo. Se prevedete di fare sport rischiosi (anche paragliding è compreso fra questi) aggiungete l’opzione per non avere sorprese in caso di sinistri.

Wikipedia Italia sul piede di guerra contro l’orrenda Direttiva Copyright dell’Unione Europea

Il 3 luglio gli utenti Wikipedia Italia non possono visualizzare i contenuti, oscurati da un invito degli autori a farsi sentire presso i propri rappresentanti al Parlamento Europeo affinché venga bloccata l’orrenda Direttiva Copyright che limiterebbe notevolmente la libertà di espressione in rete.

Si tratta dell’ennesimo favore degli eurocrati alle major, a danno dei cittadini. Questo dopo l’introduzione del GDPR, il nuovo regolamento sulla privacy che è costato tantisismo a piccole e medie aziende, non solo in Europa, e mette a serio rischio il business a causa delle multe milionarie previste per chi trasgredisce le rigidissime regole.

In fatto di Copyright, il Movimento 5 Stelle col suo leader Luigi Di Maio si è dichiarato subito pronto a non recepire la direttiva in Italia, ma questo potrebbe non bastare in quanto nello spazio europeo varrebbero le regole del paese che la recepirà coi termini più stringenti – anche su questo la Commissione Europea ha fallito nel proporre un’unica soluzione, come spesso accade, lasciando spazio all’anarchia ossia a quello che vorranno fare i singoli Paesi.

Ecco il messaggio di Wikipedia:

Il 5 luglio 2018 il Parlamento europeo in seduta plenaria deciderà se accelerare l’approvazione della direttiva sul copyright. Tale direttiva, se promulgata, limiterà significativamente la libertà di Internet.

Anziché aggiornare le leggi sul diritto d’autore in Europa per promuovere la partecipazione di tutti alla società dell’informazione, essa minaccia la libertà online e crea ostacoli all’accesso alla Rete imponendo nuove barriere, filtri e restrizioni. Se la proposta fosse approvata, potrebbe essere impossibile condividere un articolo di giornale sui social network o trovarlo su un motore di ricerca. Wikipedia stessa rischierebbe di chiudere.

Da qui si può approfondire e diffondere la protesta tramite i propri europarlamentari

Il fotografo Francesco Cito distrugge Oliviero Toscani

Il chiaccherato fotografo e pubblicitario Oliviero Toscani ultimamente sulla vicenda migranti è diventato un esagitato supporter del PD, anche con immagini com’è nel suo stile, attaccando il governo del Cambiamento M5S-Lega.

C’è una foto però, pubblicata in questi giorni da Toscani per una campagna pubblicitaria Benetton, che ritrae un gommone con dei clandestini a bordo e sulla quale il noto e bravo fotografo Francesco Cito dubita della paternità: non sarebbe di Toscani. Per questo il fotografo di Benetton va su tutte le furie e dichiara di non aver mai sentito parlare di Cito. Ecco la risposta dell’interessato, giunta via Facebook, raccogliendo un vastissimo consenso:

A seguito del vespaio da me suscitato, in cui critico Oliviero Toscani, in merito alla sua ultima pubblicità con il marchio Benetton, per l’utilizzo di una foto di Kenny Karpov, oggi alcuni amici mi hanno fatto pervenire un video pubblicato online, in cui Toscani risponde alla mia critica.
Preso visione del video inviatomi, ringrazio Oliviero Toscani, per avere affermato nel suddetto, di non conoscere il fotografo Francesco Cito, e di questo, gliene sono grato, perché sta a significare, per quanto piccolo io sia nel firmamento fotografico, di essere rimasto incontaminato da certe logiche di mercato. Obietto comunque per correttezza, che per quanto si definisce essere tante cose, da regista, a sceneggiatore, a tecnico delle luci, e ancora art director, e tante altre cose ancora, di avere purtroppo la mente corta, essendo stati presentati a suo tempo, dall’amico fotografo Franco Fontana.
Oliviero Toscani, dimentica inoltre, che durante una serata a lui dedicata a San Felice sul Panaro, anni fa, in cui si celebrava un noto festival di fotografia, io fui quello fra il pubblico, a chiedergli chi fossero gli autori delle foto da lui utilizzate, nella prima campagna pubblicitaria chock, anni 80, sempre per il marchio Benetton, sulle cui foto mancava il credito fotografico, e dalla stampa tutta a lui attribuite. Non ci fù risposta, anzi la mia domanda, l’aveva alquanto infastidito.
Caro Oliviero, mi scuso se prendo licenza di definirla tale, in fondo siamo colleghi, per quanto io non abbia tanta notorietà, ne conduco programmi radiofonici, ne televisivi, ne tanto meno campagne pubblicitarie, immagino milionarie, ma una cosa voglio precisare, io non ho alcuna gelosia, ne invidia, ne altro, anche perché non mi ritrovo per niente nel suo concetto espositivo, di cosa significhi la fotografia. A suo tempo ho fatto delle scelte precise, e non rimpiango nulla sulle mie decisioni, nonostante mi fosse stato offerto di fare moda, così come ho sempre rinunciato all’essere assunto da editori importanti, prima dell’avvento degli attuali, che poco sanno d’informazione.
Non invidio nessuno per quanto piccolo io possa essere e un signor nessuno. Le immagini che in tutti questi anni ho realizzato e di cui sono stato, e ancora sono, regista, sceneggiatore, tecnico delle luci, art director etc etc. Le immagini, in cui per la loro realizzazione, io stesso ho mosso gli eserciti sui campi di battaglia, e non solo, appunto come regista, come Toscani afferma debba essere un fotografo moderno, senza mai avvalermi di generali, e di cui io stesso come operatore, utilizzando il mezzo, così detto foto-camera, ho poi impresso sulla pellicola, e per conseguenza autore.
( Non so se in questa sua visione della fotografia moderna, Oliviero non si riferisse a George Lucas, per la realizzazione di Guerre Stellari. ) La fotografia non è un film, anche se quest’ultimo, nasce dalla fotografia.
Racconti fotografici, storie intere, in cui il soggetto è il genere umano, di cui sovente ne ho attraversato i drammi, le sofferenze, ma anche i suoi momenti di gioia, e stranamente per quanto piccolo io possa essere, sono state pubblicate su testate giornalistiche che spaziano dal Sunday Times mag, a Life, da Stern ad Epoca, da Paris Match, all’ Observer, e su quasi tutta la stampa internazionale che conta. Pagine e pagine, e copertine comprese. Non male per un nessuno, che ha fatto della sua professione uno stile di vita, ricevendo credito dalle tante testate giornalistiche che contano, perché ho sempre avuto rispetto per chiunque fosse il mio soggetto, e mai nessuno ha messo in discussione la mia etica, ne tantomeno sono stato condannato dalle leggi “Sears” negli Stati Uniti. Può Oliviero Toscani, avvalersi di tante pubblicazioni sulle suddette testate? Forse si, credo anzi, che le sue campagne pubblicitarie, siano apparse di certo in ogni spazio disponibile del mondo, ma c’è una differenza sostanziale, gli spazi pubblicitari si pagano, e quando l’inserzionista paga, sia esso Benetton, o il detersivo Spik e Span, nessuno editore o spazio su di un edificio, rifiuta l’inserzione.
Le mie immagini, da umile operatore, sono state invece pubblicate in quanto avevano, o hanno qualcosa da trasmettere, pari ad alcune foto scelte da Toscani, ma non sue, per pubblicizzare un prodotto, che nulla ha a che vedere con la tragedia rappresentata. Eticamente, nulla hanno a che fare con un marchio commerciale. Comunque credo che Toscani ignori, che la rappresentazione sui media, nelle trasmissioni varie, della tragedia dei migranti, sono state divulgate a migliaia, prodotte da bravi autori, fotografi di reportage, che vanno da Giulio Piscitelli, a Francesco Malavolta, da Alessandro Penso a Francesco Giusti, da Rocco Rorandelli, come pure Francesco Zizola, e tanti altri dal lungo elenco da elencare, che sarebbe sacrilegio secondo il pensiero Olivierano, definirli autori, oltre che fotografi.. Sbaglia Oliviero nel dire che questa sua scelta di utilizzare tale foto, da visibilità non solo al fotografo, che in questo caso ha sbagliato a venderla per tale utilizzo, ma al problema stesso. L’avrei capito se tale iniziativa fosse stata affine ad una raccolta fondi per sponsorizzare un’iniziativa umanitaria. La cruda verità, è: a Benetton interessa vendere magliette. Inoltre mi domando cosa ne pensino nel PD, di cui Oliviero si vanta di avere la tessera. Mi chiedo poi, come mai il caro Oliviero Toscani, così bravo, così attento nel definire cosa debba essere un fotografo moderno, e avendo tutte queste qualità da lui elencate, non sia lui stesso a fotografare quei soggetti realizzati dai poveri fotografi di reportage. Paura? Pigrizia? Incapacità? Oppure perché le foto scattate ai bambini di Gaza con in dosso le magliette Benetton, erano un’aberrazione della fotografia?
Qualcuno ha scritto: Cito ha rischiato la vita. Questa è un’ attribuzione dettata da altri, io non l’ho mai detta, e ogni volta che mi si dice, “non è pericoloso il lavoro che fa, non ha paura?”, ho sempre risposto che ci vuole più coraggio ed è più pericoloso salire ogni giorno su di un impalcatura. Io non posso aver paura, ma nemmeno essere sprezzante del pericolo, guardo avanti, perché il lavoro che faccio mi porta a conoscere l’uomo, quello che di solito non appare sulle pagine patinate della pubblicità, e che mai sarà.
In quanto alla Piazza del Campidoglio a Roma, ( esempio poco attinente con la visione che Toscani ha dei fotografi ), disegnata da Michelangelo, il quale era si scultore, ma anche pittore, architetto, ingegnere etc., collocò si al centro di quel trapezio una statua equestre di epoca romana, ma quel cavaliere, l’imperatore Marco Aurelio, fu voluto li dal Papa Paolo III.
Io non giudico nessuno, non è da me, ma credo in quanto fotografo anche in BIANCO e NERO, di avere un po di conoscenza quanto si parla di fotografia.

P.S.
Prima di pubblicare la presente, questa sera, ho atteso di ascoltare, Oliviero Toscani su Rai Radio 1, nella trasmissione: “Io non sono obiettivo”, nella quale naturalmente ha capovolto in parte, la sua versione espressa nel video, e di seguito alle cose da lui elencate in risposta all’intervistatore, mi viene naturale in questo contesto, estrapolare l’ultima parte del pensiero di Ferdinando Scianna, voce più autorevole della mia, che nel suo volume “Obiettivo ambiguo” nel profilo che dedica a Toscani, termina così:
“Grande pubblicitario, geniale inventore di dispositivi di comunicazione”.
Piccolo fotografo.

Francesco Cito

Questa foto è stata da me sceneggiata, istruito le oche, costruita e diretta come regista, ed infine ripresa come un bravo operatore. Chiedo scusa per il B/N, ma non conosco bene la scala cromatica per usare il colore.

Ecco le app vincitrici dell’Apple Design Award 2018

Ecco le app vincitrici dell’Apple Design Award 2018:

Florence (Australia) – un libro di racconti interattivo che fonde elementi del gaming e dei fumetti per esplorare le gioie e i dolori dell’innamoramento.

Agenda (Olanda) – Agenda che adotta un nuovo approccio al prendere appunti su Mac, grazie alla combinazione di scrittura, calendario e task manager in una timeline che offre un’immagine chiara del passato, del presente e del futuro.

iTranslate Converse (Austria) — trasforma iPhone e Apple Watch in un dispositivo di traduzione bidirezionale.

Calzy 3 (India) – calcolatrice altamente personalizzabile che utilizza molte tecnologie iOS per offrire diverse funzioni: Multitasking, Face ID e Touch ID per visualizzare in privato cronologia e preferiti salvati; Drag & Drop per condividere risultati in altre app; integrazione di iMessage, ricerca Spotlight per risultati salvati fra i preferiti; iCloud Sync e Handoff, per eseguire calcoli matematici giornalieri in modo elegante.

Alto’s Odyssey (Canada) — viaggio infinito nel sandboarding con gameplay intuitivo e utilizzo del 3D Touch e del feedback aptico

Oddmar (Turchia) — livelli disegnati a mano e colonna sonora cinematografica, gioco a scorrimento laterale a tema Vichinghi

Frost (Austria) — puzzle game a forma libera

Bandimal (Finlandia) — software per comporre musica a misura di bambino. Il focus è sulla creatività: niente note, niente accordi, niente regole, niente spartiti.

Playdead’s INSIDE (Danimarca) — rompicapo che è stato ottimizzato per iPhone, iPad e Apple TV.

Triton Sponge (USA) — innovativa app per iPad utilizzata nelle sale operatorie per calcolare rapidamente e tenere traccia delle perdite di sangue raccolte dalle spugne chirurgiche e dai contenitori di aspirazione.

Italia, il Paese che verrà

Le elezioni Politiche del marzo 2018 hanno rappresentato un ulteriore scossone alla politica italiana. Definitivo tanto che gli esperti parlano di Terza Repubblica con la nascita del Governo Conte.

Forse è prematuro parlare di nuova Repubblica se le condizioni Costituzionali non mutano, sebbene la legge elettorale sia cambiata e anche la maggioranza di governo.

Ma è possibile prospettare cosa potrebbe accadere nei prossimi anni in Italia, un laboratorio che diventa anche iniziatore di nuovi modelli per altri Paesi che potrebbero accodarsi. In fatto di innovazione politica, da questo punto di vista, con la nascita del Movimento 5 Stelle, il Belpaese guida la classifica nel mondo.

Il M5S con Rousseau vuole ricreare l’arena politica, un po’ come Facebook vuole ricreare internet al suo interno, offrendo tutto quello che serve in un ambiente protetto, privato. Con la differenza che Facebook è a scopo di lucro, Rousseau no. Piaccia o no, già oggi su Rousseau è possibile proporre leggi ed emendamenti che saranno poi discussi dai rappresentanti – portavoce – nelle varie sedi istituzionali, dal Parlamento Europeo al Consiglio Comunale, passando naturalmente per Camera e Senato.

Il M5S sceglie online i propri candidati, le linee del proprio programma, vota online le decisioni più importanti (es. fare un governo con la Lega) e offre la possibilità di scrivere o modificare le leggi che andranno in discussione. Oltre all’organizzazione dell’attivismo politico sul territorio (ex Meetup, ormai quasi del tutto dismessi) e alla formazione di cittadini e amministratori, attuali e futuri – a costo zero per tutti.

Se il M5S avesse la maggioranza assoluta, oggi Rousseau sarebbe di fatto il laboratorio online della politica italiana. Ancora non c’è e forse non ci sarà mai, ma è certo che dinanzi alla quasi scomparsa delle altre forze tradizionali (partiti e partitini) il tutto si è catalizzato intorno a poche forze definite populiste e con un consenso crescente: Lega e M5S.

I sondaggi post voto parlano di un’ulteriore crescita della Lega, dal 18% al 25% e un lieve calo del M5S, dal 33% al 31%. Insieme superano il 50% e possono governare indisturbati. Forza Italia è quasi scomparsa, Fratelli d’Italia ridimensionata al 3%, la sinistra di Liberi e Uguali, grande flop alla prima uscita, sotto al 3%, Potere al Popolo non pervenuto. E il PD? Galleggia intorno al 18% con le sue lotte di potere interne, in attesa che Renzi l’opportunista si stacchi fondando il suo Fronte Repubblicano, erodendo ulteriori voti al PD stesso che pare destinato a scomparire o a diventare stampella renziana. Impossibile immaginare quelle forze nuovamente al governo negli anni a venire. Difficile anche prevedere cosa sarà del Paese con le nuove innovative misure come flat tax, semplificazione fiscale, reddito e pensione di cittadinanza: renderebbero l’Italia un luogo migliore dove vivere, lontani dai diktat delle grandi imprese che vogliono i cittadini strozzati da un’economia liberale incivile e ingiusta. Chiaramente gli eurocrati proveranno in tutti i modi a minacciare il Paese, ma Conte non è Tsipras, l’Italia non è la Grecia e non si piegherà ai diktat tedeschi, gli unici veri a beneficiare dello stato attuale.

MPM PS 160, arriva in Italia la coupè francese a sole 9.900 euro

Si tratta di una vettura coupé di stile classico, con quattro porte, ma la casa è assolutamente nuova: è la MPM Motors, un giovane marchio francese con link in Russia

L’auto si chiama PS.160. Una decina di soci e circa duecento dipendenti, fabbrica in Francia, l’auto non sembra innovativa a prima vista.

Il suo slogan è “Keep it simple” e in effetti è molto basilare anche se appariscente. L’auto è in vendita in Italia a partire da soli 9.900 euro, IVA inclusa. Un’occasione per avere una sportiva a prezzi decisamente contenuti. Unico modello, unico prezzo.

Con Iliad arriva il quarto operatore di telefonia in Italia

Iliad è ufficialmente arrivata in Italia in modo aggressivo, con una tariffa unica molto conveniente che ha le seguenti caratteristiche:

  • MINUTI ILLIMITATI in ITALIA verso tutti fissi e mobili
  • SMS ILLIMITATI in ITALIA verso tutti gli operatori
  • 30GB di traffico dati al mese con rete 4G+
  • PREZZO di 5.99€ al mese per sempre e senza vincoli (prezzo solo per il primo milione di utenti)

Iliad sceglie la strada della semplificazione proponendo ai suoi clienti non un ampio catalogo di offerte confusionarie come gli altri operatori, ma una sola tariffa che, grazie alle opzioni presenti, garantisce a tutti le caratteristiche più richieste.

Nel contempo, la nuova azienda offre anche numerosi posti di lavoro.