10 strategie e consigli che mi hanno aiutato a viaggiare da sola e superare la paura di partire da sola. Questo video è sponsorizzato da ABA English, il corso online per imparare l’inglese, solo tramite questo link avete il 60% di sconto: 6 mesi a 14,99 euro
✔︎registrandoti tramite questo link:
✔︎per scaricare l’app:
#viaggiaredasoli #abaenglish #viaggiaredasola #ad

_________________________________ LEGGIMI ________________________________

??Se ti è piaciuto il video metti un like e fammi sapere cosa ne pensi 🙂
e se vuoi vedere altri video di viaggi e consigli di viaggio ISCRIVITI AL MIO CANALE, ATTIVANDO la Campanella !

☕️ Questo video ti è stato utile e vuoi chiedermi ulteriori consigli? puoi offrirmi un caffè simbolico qui:

?Seguimi su Instagram :

?La mia fedele macchina fotografica:
? La mia lente preferita:
?La musica che uso per i video:

?Ti regalo 34 euro di buono per il tuo primo soggiorno su AIRBNB:

Per email commerciali: [email protected]

Di Mario Pargola

Blogger

35 pensiero su “SUPERARE la paura di VIAGGIARE DA SOLI – i miei 10 CONSIGLI (organizzazione, imparare l’inglese,…)”
  1. Utilissimo video Mery!!
    Per curiosità in che periodo dell’anno sei stata in Cambogia?

  2. Amo viaggiare da sola, lo faccio da anni e non ho mai avuto particolari problemi…mi piace proprio il fatto di non dipendere da nessuno, di decidere quando/cosa/come fare. Per ora non ho visitato paesi con cultura profondamente diversa dalla nostra, magari un giorno lo farò ? video come sempre molto interessante, un bacio

  3. Ciao Mery concordo su tutto quello che hai detto. Come sempre sei grande e il tuo canale è fantastico. Torna presto a viaggiare… Un ulteriore consiglio adattarsi o provare i sapori della cucina locale. LIKE a vita ?Ciaoo ?

  4. Ottimi consigli! Ai tempi dell’università avevo pensato di fare un viaggio in Portogallo da solo ma come prima esperienza mi sembrava troppo onerosa, nel caso volessi iniziare nuovamente proverò con una città italiana ?

  5. Grazie, cara, per questo video. Anch’io viaggio per conto mio da diverso tempo e personalmente mi trovo molto meglio così. Degli ostelli confermo in pieno! Dell’inglese non sono molto d’accordo, perché a Berlino (Est), in Francia o addirittura in Giappone non ho trovato quasi nessuno che lo capisse anche solo vagamente, addirittura nelle zone turistiche di Parigi o Tokyo. Infatti sotto questo aspetto consiglio una guida bilingue (ovviamente) prenotata dall’Italia possibilmente, così anche da non dover neanche stare a pensare ai posti dove andare. Penso soprattutto a chi ama la natura (a proposito, chiedere delle vaccinazioni prima di partire!) e il trekking. Infatti penso di fare così quando sarà possibile viaggiare lontano di nuovo. Vorrei tanto andare nella Terra del Fuoco e nel deserto di Atacama! Per questo, specialmente fuori dall’Europa, consiglio caldamente i viaggi di gruppo organizzati da un’agenzia, come ho fatto quando sono stata in Giordania. Per il resto confermo tutto, soprattutto informarsi sui costumi locali, per sicurezza più che per generalizzare i comportamenti della popolazione locale. E anche l’aspetto sanitario e dei soldi, anche perché viaggiare con un/a amico/a e/o familiare che non sa niente del posto come te non necessariamente fa sentire meno in difficoltà.

  6. Grazie per i tuoi consigli! Per mia esperienza mi sono sempre un po’ pentita in passato di aver trascurato l’inglese, ho incontrato tanti viaggiatori con cui avrei voluto comunicare meglio!

  7. Ottimo consiglio! Grazie mille speriamo di poter tornare a viaggiare quanto prima ?

  8. @Wild at Earth Grazie a te! E l’inglese, per via del colonialismo sia britannico che statunitense, è certamente visto come un passepartout, una lingua franca, ed è anche la lingua dell’informatica, quindi è importante impararlo certamente. Ma oltre ad essere divertente imparare anche altre lingue (anzi ho sempre trovato arrogante da parte di molt* inglesi e american* evitare di parlare la lingua locale e pretendere di conoscere la loro, ma è meglio che mi fermi qui), almeno per me, volevo solo far presente che non siamo solo noi italian* a conoscere poco l’inglese ? E siccome non c’è sempre la possibilità d’imparare altre lingue, soprattutto quelle molto impegnative come il mandarino, l’arabo, il giapponese (ma tu lo sai meglio di me), è per questo che ho consigliato i viaggi di gruppo, anche perché una guida in un gruppo con almeno una decina di persone non è un costo aggiuntivo proibitivo per quella che è la mia esperienza. Un abbraccio ❤️

  9. Lo sai che non posso che essere che d’accordo! E anche sui viaggi di gruppo che io stessa conduco da tour leader ci affidiamo a una guida del posto (doveva essere così per Laos e Ladakh )

  10. @Wild at Earth Ti metterei un cuore invece del pollice in su, ma credo che lo possa mettere solo il titolare del canale. Comunque te lo lascio qui ❤️ Ho dimenticato di aggiungere un altro consiglio che secondo me è fondamentale: soprattutto se fate viaggi di lunga durata, mi hanno detto che è il caso d’iscriversi alla pagina della Farnesina dove vengono registrati gli italiani fuori dal territorio nazionale. Nel caso accada qualcosa, almeno l’ambasciata del posto sa della vostra presenza e può attivare le ricerche. Ovviamente non bisogna farsi venire le paranoie, ma è sempre meglio essere prudenti.

  11. Ciao! Grazie infinite per questo video! Sei carinissima ?? per quanto riguarda le prepagate sai se la PayPal e’ ancora accettata? Mille abbracci x te ?????????

  12. L inglese e’ importante e poi e’ molto bello!!! Seguiro’ I tuoi consigli ❤️❤️❤️

  13. Ciao Grazie!!! sono andata a vedere com’è la prepagata Paypal perchè non la conosco e ho visto che hanno esposto il circuito mastercard quindi è ben accetta quasi ovunque!

  14. Davvero un bel video Mery, è informativo ma anche molto incoraggiante 🙂 E’ buona l’idea di abbinare a questo video, consigliandolo, un corso per poter potenziare l’inglese. Avere una buona sicurezza nel saperlo parlare penso che faccia la differenza. Io sono stata l’anno scorso in Giappone e (almeno per mia esperienza) mi sono stupita di quante persone lo capissero e lo parlassero senza troppa difficoltà: dal personale di un ostello, a una donna che aspettava un autobus con noi, a due adorabili anziani che ci hanno preparato una meravigliosa cena.
    Vorrei invece chiedere a te (se non ne hai già parlato in qualche altro video) se ti andasse di approfondire in un video il tema riguardante l’essere una nomade digitale e le relazioni. Essere una viaggiatrice ma riuscire a trovare un equilibrio per coltivare anche le proprie relazioni e i propri legami; essere una donna che lavora e viaggia e come questo possa influire sulla rinuncia o meno di una stabilità, penso anche ad una eventuale maternità.
    Grazie e scusa la lunghezza ma è un tema che mi interessa molto 🙂

    P.S. La maglietta degli Yo kai giapponesi è davvero bella! L’hai acquistata on line o in Giappone?

  15. Concordo con te. Amo viaggiare da solo! Prima di partire ti prepari un’idea di viaggio con un itinerario di massima. Con Google maps poi vai dappertutto e l’inglese serve poco… Mi piace anche stare da solo più che fare amicizie se il viaggio è breve (fino a 15gg). Però devo imparare bene l’inglese hai ragione.

  16. si vero, dipende molto dal tipo di esperienza che si vuole fare, se un tipo di viaggio più riflessivo e meditativo. però si l’inglese è un grande aiuto che può avvantaggiarti in qualsiasi contesto e sicuramente saperlo ti rende più tranquillo!

  17. esatto! il giappone si sta per fortuna un pochino più aprendo all’inglese anche in vista delle olimpiadi!
    per quanto riguarda il video sui nomadi digitali e relazioni potrei pensarci! sai è molto relativo per tante persone e sicuramente non esiste una formula adatta a ogni persona, io non sono per esempio interessata molto alla maternità, se dovessi pensarci cambierei sicuramente visione e penso vorrei più stabilità. il bello del lavoro in remoto è che puoi fermarti per quanto tempo ti piace nel luogo che vuoi (visto permettendo), io ora non sto più adottando questo stile di vita per come si intende davvero il nomade digitale

  18. @Annalisa mi spiace, ho fatto subito segnalazione!! nel caso se mi dai il tuo user cerco di fare sollecitazione per farti ridare indietro i soldi

  19. Wild at Earth tranquilla, non mi sono ancora iscritta perché in questo momento sono molto presa per il lavoro. Mi sembra però interessante, se avrai il link mi farà piacere averlo ?

  20. Ciao, grazie per i consigli.
    Io ho un inglese di livello medio/alto quindi sono piuttosto tranquillo su questo aspetto.
    Ma ho sempre paura che l’inglese non basti. Ti sei mai trovata in difficoltà perché non hai potuto comunicare né in italiano né in inglese?

  21. Bella domanda! Si mi è successo ma siamo riusciti sempre a comunicare in un modo o nell’altro e a capirci come per magia con gesti e sorrisi forse il linguaggio che si sottovaluta di più ma anche quello che ci unisce empaticamente quindi il più importante di tutti!

  22. @Annalisa mi hanno scritto così: Unfortunately, ABA just informed us that they are experiencing some technical issues with the mailing platform and are working to solve this asap. They told us that we can rest assure that all of your followers that have registered through your links, will be receiving the discount but it might take a little longer than expected.
    I’m sorry for the inconveniences and I’ll keep you posted on any news about this when we have something.
    quindi devono garantire quei 14,99, ti scrivo appena aggiustano le cose!

  23. Consigli molto utili ? Comunque nei paesi dove ci sono imposizioni di vestiario non mi vedranno mai

  24. Se guardi tutti i dettagli prima di viaggiare e una vacanza non sei un viaggiatore un turista dove il divertimento? Io preferisco viaggiare e pericoloso sempre oppure non è un viaggio

I commenti sono chiusi.